Torna al Museo della Valle


Gli studenti sono accompagnati alla miniera di Mezzano (San Bartolomeo V.C.), in cui entrano a piccoli gruppi e effettuano osservazioni per capire le caratteristiche del luogo, le tecniche di scavo e l'utilizzo del minerale estratto. Segue la visita guidata al Museo della Valle (Cavargna) dove è documentata la "Via del Ferro", percorso tra i vari siti minerari e siderurgici della valle. Attraverso presentazioni multimediali e interattive della mostra permanente nel museo "Il fuoco e la montagna: la Val Cavargna", gli studenti apprendono il frutto delle ricerche piu' recenti. Infine essi partecipano al laboratorio virtuale sulla lavorazione del ferro. L'attività è finalizzata alla comprensione dell'importanza delle attività mineraria e siderurgica, presenti per secoli in Val Cavargna e caratteristiche soprattutto della seconda metà del Settecento e della prima dell'Ottocento.
In classe è consigliabile introdurre la visita utilizzando il testo Il travaglio del ferro in Val Cavargna e dintorni (2004), a cura dell'Associazione Amici di Cavargna.
Per l'escursione alla miniera di Mezzano si consiglia l'uso di scarponcini, giacca a vento, macchina fotografica, lente d'ingrandimento per osservare i campioni di minerali e una piccola pila. All'ingresso della miniera ciascun partecipante sarà dotato di un casco di sicurezza.
La visita ha una durata compresa tra le 4 e le 6 ore ed è rivolta alle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. A causa della difficile agibilità della strada provinciale, Cavargna è raggiungibile solo da pullman con capienza massima di 40 posti, che possono parcheggiare nella piazza comunale.


Attività mineraria

Museo della Valle: Attività mineraria


Obiettivi disciplinari

  • Conoscere i bisogni primari dell'uomo e i manufatti, gli oggetti, gli strumenti e le macchine che li soddisfano.

  • Analizzare le testimonianze di eventi, i momenti e le figure significatie presenti nel territorio e caratterizzanti la storia locale.

  • Osservare e confrontare oggetti e persone di oggi con quelli del passato.

  • Leggere e interpretare le testimonianze del passato presenti sul territorio.

  • Esplicitare il nesso tra l'ambiente, le sue risorse e le condizione di vita dell'uomo.

  • Identificare gli elementi fisici e antropici che caratterizzano il paesaggio e le loro trasformazioni nel tempo, cogliendone i principali rapporti di connessionee interdipendenza.

  • Scoprire la varietà di forme delle piante e degli animali caratteristici di un habitat.

  • Comprendere la necessità di complementarietà e sinegia per la sopravvivenza dell'ambiente e dell'uomo.

  • Esplicitare il nesso tra l'ambiente, le sue risorse e le condizioni di vita dell'uomo.

  • Analizzare, mediante osservazione diretta, un territorio per conoscere e comprendere la sua organizzazione, individuare aspetti e problemi dell'interazione uomo-ambiente nel tempo.


Obiettivi di educazione ambientale

  • Identificare le tradizioni locali piu' significative.

  • Conoscere i bisogni dell'uomo e le forme di utilizzo dell'ambiente.

  • Identificare gli interventi umani che modificano il paesaggio e l'interdipendenza uomo-natura.

  • Riconoscere gli ambienti antropizzati e l'introduzione di nuove colture nel tempo e oggi.

  • Comprendere l'importanza dell'intervento dell'uomo sul proprio ambiente di vita, avvalendosi di diverse forme di documentazione.

  • Fare un bilancio dei vantaggi/svantaggi che la modificazione di un certo ambiente ha recato all'uomo che lo abita.

  • Conoscere la flora, la fauna e gli equilibri ecologici tipici dell'ambiente.


Login utente
Chi è online
Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.
Archivio Articoli
Nuovi utenti
  • GabbarSingh
  • Giada Butti
  • LUCA79
  • Alice Rho
Commenti