Torna a Tradizioni


Quanta s'sent i sambogn d' Crisel
l'è segn ca fa bel.


Quando si senton i campanacci di Crisello
è segno che fa bello.



Lavorancc da Sora, stà n cadrega da Vora
ranè da Calbin, perfumè da Tavain.


Lavoratori di Sora, "casalinghi" di Vora (nel senso che avevano pochi prati e boschi da lavorare),
"rane" di Calbino (a causa dell'abbondanza d'acqua), "profumati" di Tavaino (a causa del fumo dovuto alla mancanza di camini).



Quanta sentighè i campana
da cavargna mena i bescia al fin,
ca riva l'stratemp.


Quando sentite le campane di Cavargna
accompagnate le bestie alla stalla,
perchè arriva il brutto tempo.



Quanta 'l sas da Cusin 'l' g'ha su 'l capel
mola la ranza e ciapa 'l rastel.


Quando il sasso di Cusino é avvolto dalle nubi
lascia la falce e prendi il rastrello.



Quanta gh'è i nuvola fai a pan
sa piov mia 'ncö piov doman.


Qunado le nuovole sono a forma di pane
se non piove oggi piove domani.



Valtellina scura Val Cavargna s'sgura
Valtellina ciara Val Cavargna la s'lava.


Valtellina scura Val Cavargna si rischiara,
Valtellina chiara Val Cavargna si bagna.



D'avost laset mia ciapà 'n dl bosc.

D'agosto non farti trovare nel bosco.



San Bastian con la viola'n man.

San Sebastiano con la viola in mano.



Sa piov per l'Asenza
pr quaranta gì sem più senza.


Se piove il giorno dell'Ascensione
pioverà per quaranta giorni.



Se piov per Santa Cros,
vegn sbogg i nôs.


Se piove per Santa Croce le noci marciscono.



Fevrè l'è poc, l'è curt, ma l'è malign.

Febbraio è piccolo, è corto, ma è maligno.



'L sol d'Ginè 'l fa met a polè,
quel d' fevrè 'l fa cantà domnè.


Il sole di gennaio fa mettere a letto,
quello di febbraio fa morire.



Dopo l'Ave Maria, tuta i stria i è 'n dii via,
chi è dentr i è al s'cur
e chi è fora i grata i murr.


Dopo l'Ave Maria tutte le streghe sono per strada,
chi è in casa è al sicuro
e chi è fuori gratta i muri.



Tuta i cà i è fai de sass
e ogni vujna g'ha 'l so fracass.


Tutte le case sono fatte di sassi
ed ognuna ha i suoi problemi.



Se la rana la gaves i dencc
povra mai tuta la gent.


Se la rana avesse i denti
povera tutta la gente.



La pruma gaina ca canta l'ha fai l'ov.

La prima gallina che canta ha fatto l'uovo.



Gh'è mia 'l du senza 'l tre.

Non c'è due senza tre.



Mei 'na pasra 'n dl padlin
che 'n pivion 'n dl camin.


Meglio un passero nel tegamino
che un piccione nel camino.



I onscei i va e i vegn
l'è noma i montagna ca i sta ferma.


Gli uccelli vano e vengono
sono soltanto le montagne che stano ferme.



Chi no la m'sura non dura.

Chi spende troppo non può andare avanti.



A can ca leca scender
fids mia a dagh farina.


Ad un cane che lecca cenere
non fidarti a dar farina.



Va pur a soldà
ca la crianza i te 'nsegnarà.


Vai pure a militare che ti insegneranno l'educazione.



O mangia sta m'nestra
o salta sta f'nestra.


O mangia questa minestra
o salta questa finestra.



Chi 'h fa mia da giovin
'n fa mia gnanca da veg.


Chi non fa da giovane
non farà niente anche da vecchio.



Amor d' fradei, amor d' cortei.

Amor di fratelli, amor di coltelli.



Marz marzot, tant 'l gì come la nocc.

Marzo marzotto, tanto il giorno quanto la notte.



A Natal 'pas d'un gal,
a Pasquetta n'oreta,
pr Sant'Antoni 'n'ora bona.


A Natale (il giorno si allunga) un passo di gallo,
a Pasquetta (Epifania) di un'ora,
per Sant'Antonio un'ora abbondante.



A San Roc i arisc i è a 'n tir d'sciop.

Per San Rocco (16 agosto) i ricci si vedono col fucile.



Maridas l'è bel ma bisogna cambiar vela,
sgrandì la pugnatela e p'nsà a lavorà.


Sposarsi è bello, ma bisogna cambiar vita,
usare la pentola più grande e pensare a lavorare.



Chi s'sposa a San Nazè
i va a scuntà i sò pechè.


Chi si sposa a San Nazzaro
va a scontare i suoi peccati.



Rechiam eterna, chi i fa i si governa.

Pace eterna, chi li fa se li cresce.



La gugia e la pzeta i fa 'nda 'nanz la caseta.

L'ago e il filo fanno andare avanti la famiglia.



Fà e d'sfà l'è tut 'n lavorà.

Fare e disfare è tutto un lavorare.



Col Barbera nostran s'campa cent agn.

Col barbera nostrano si campa cent'anni.



La cumpagnia l'è bela e l'è bona,
ma la ruvina la persona.


La compagnia è bella e buona,
ma rovina la persona.



Cioc e cioc e mai malaa,
viva 'l vin e chi 'l'ha 'nventà.


Ubriachi ubriachi e mai ammalati,
viva il vino e chi l'ha inventato.



I maraveia i va dala porta,
ma i riva dala f'nestra.


Le cose che stupiscono escono dalla porta,
ma entrano dalla finestra.



Quanda 'l fen l'è ben voltaa
no godum la libertà.


Quando il fieno è girato siamo liberi.



Via i gacc bala i racc.

Via i gatti ballano i topi.



Grand e gros ma poc balos.

Grandi e grossi ma poco furbi.



Du pè 'n duna scarpa i gh'sta mia

Due piedi in una scarpa non ci stanno



Casciadô, pescadô: pena d'unsc'lin,
resca d'pes i fa l'om puvrin


Cacciatori, pescatori: penna di uccellino,
lisca di pesce fanno l'uomo povero



La scoa nova la scoa ben

La scopa nuova scopa bene



Quanta l'acqua la toca 'l cul sa t'vö mia fondà te da nodà.

Quando l'acqua tocca il sedere
se non vuoi affondare devi nuotare.



Quanta 'l sol 'l tramonta l'asen 'l s'mponta

Quando il sole tramonta l'asino s'impunta.



Santa Barbara e San Simon curum dai saeta e anca dai tron.

Santa Barbara e San Simone,
difendetemi dai fulmini e dai tuoni.



Sot al campanin manca mai né pan né vin.

Sotto il campanile non mancano mai il pane e il vino.


Login utente
Chi è online
Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.
Archivio Articoli
Nuovi utenti
  • GabbarSingh
  • Giada Butti
  • LUCA79
  • Alice Rho
Commenti