Vorrei porre alcune mie considerazioni riguardo questo importante articolo visto che negli ultimi 3 anni ho partecipato a molti dibattiti riguardo le derivazioni per centrali idroelettriche, svolti dal Comitato Acque Comasche (sito internet www.acquecomasche.com ) di cui faccio parte.
Abbiamo costatato che in molte derivazioni il rilascio del deflusso minimo vitale previsto per legge è assorbito dal terreno dopo pochi metri (nei casi in cui effettivamente esso viene mantenuto …..) e quindi il torrente a Valle della derivazione è in secca.
In molte zone (vedi Valle Albano) tratti di torrente sono stati fortemente danneggiati dai lavori di scavo, strade per gli accessi ai cantieri sono state costruite in modo superficiale e l’impatto ambientale di queste opere sul territorio è stato disastroso.
Prima che sul territorio della Val Cavargna vengano rilasciate autorizzazioni e poi costruite derivazioni voglio fare riflettere la popolazione su come potrà cambiare l’aspetto della nostra Valle in modo sicuramente negativo.
Noi del Comitato Acque Comasche stiamo lottando per far si che questo non avvenga, che tutte le richieste in corso vengano immediatamente sospese con una moratoria da parte della Regione. Invito tutta la popolazione ad aderire al Comitato Acque Comasche tramite la raccolta di firme che stiamo effettuando direttamente in Comune di San Bartolomeo V. C. o direttamente dal sottoscritto.
Abbiamo bisogno di tutti per portare la nostra voce fino a chi governa in Regione.

Grazie a tutti
Francesco Curti (Ciscky) San Bartolomeo V.C.

Non tutti i mali vengono per nuocere...


Ho letto l'articolo e dico di essere abbastanza informato in merito...mi stupisce una cosa, l'articolo è ben strutturato ma è possibile che queste centrali abbiano solo dei svantaggi? eppure in Svizzera sono la principale fonte di energia elettrica anzi precisiamo che creano cosi tanta energia da venderla anche alle nazioni vicine!
Probabilmente alcune persone si stanno fasciando la testa ancora prima di conoscere l'argomento. E vero, mi ritengo fortunato, abitiamo in una stupenda valle che molti ci invidiano ma è anche corretto guardare in faccia alla realtà.
Se qua in valle è tutto cosi bello e va tutto bene perchè il 90% della popolazione fa il frontaliere????
Nel paesello di Cavargna dal 2002 al 2010 la popolazione si è ulteriormente ridotta di 130 persone!!! per forza, cosa deve rimanere a fare se non c'è nulla???e quando c'è qualcuno che è interessato a fare qualcosa (anche se solo per interessi economici) lo si caccia senza nemmeno ascoltare quello che ha da dire....
Parliamo di impatto ambientale? e cosa mi dite dell'asfalto sulle strade di montagne???
non è forse peggio?!
quindi è possibile che non possa portare anche qualche beneficio questa maledetta centrale? magari qualche soldo in piu nelle casse comunali? portare un po di lavoro, gente nuova e quant'altro....
Prima di fare decisioni affrettate mi auguro per lo meno che le persone siano informate adeguatamente su questo argomento non solo per sentito dire da qualche telefono senza fili come al solito....

Alexis, il problema secondo


Alexis, il problema secondo me non è tanto energia idroelettrica si' o no (io sono per il si' per esempio), ma piuttosto che senso ha dare la concessione per 14 (!) centrali in una valle piccola come la nostra...Questo è quello che mi dà fastidio, è solo un affare per incassare i certificati verdi. Se invece ci fosse un discorso serio portato avanti dalle strutture pubbliche che affronta un problema serio come la mancanza di energia la situazione sarebbe diversa, qui invece ci sono solo dei privati che spillano soldi nostri (dello Stato) sfruttando le nostre risorse (dello Stato).
La Svizzera la lascerei stare, non è certo tutto rose e fiori, ma li' le cose si fanno seriamente, con problemi e difficoltà certo, ma seriamente.
Non credo inoltre che avere delle mini-centrali idroelettriche possa creare dei nuovi posti di lavoro, ormai è tutto automatizzato e l'intervento umano ridotto ai minimi termini in qualsiasi campo dell'automazione.
Sono invece perfettamente d'accordo con te per quel che riguarda l'impatto ambientale "nostro" sulle "nostre" montagne e non siamo i soli...ho amministrato per anni questo sito e ho ricevuto tante email di turisti ammirati per le bellezze della Val Cavargna, ma allo stesso tempo scandalizzati per come trattiamo le nostre montagne, i SUV che ti fanno respirare polvere anche se sei a 1500 metri, i prati utilizzati come piste da motocross ecc. ecc.

Your water, our money :)


Mmmh, cosi' su due piedi mi sembra la solita gabola all'italiacana, io non sono certo un esperto di energetica e ambiente, ma mi sembra che l'obbiettivo di queste mini-centrali sia solo quello di incassare i soldi con i certificati verdi alla faccia della natura e dei kWh. Non c'è pero' da stupirsi visto la coscienza ambientalista dell'italiano medio, basta vedere come trattiamo le nostre montagne :(

Davide Strepparava

Login utente
Chi è online
Ci sono attualmente 0 utenti e 5 visitatori collegati.
Archivio Articoli
Nuovi utenti
  • GabbarSingh
  • Giada Butti
  • LUCA79
  • Alice Rho
Commenti